Harmonies and Words

in the Pool of Time

  • Tutti soffrono all’idea di scomparire non visti e non uditi in un universo indifferente, e per questo vogliono, finché sono in tempo, trasformare se stessi nel proprio universo di parole. Milan Kundera

    Siamo ciò che siamo perché è quello che meritiamo di essere.
  • aprile: 2009
    L M M G V S D
    « Mar   Mag »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  
  • Meta

Music@2009: intervista a Savino Zaba

Posted by mnemosineeorfeo su aprile 27, 2009

savinozabaParlare di musica in TV in questi ultimi mesi sembra voglia dire ricordare (ormai) lontanamente il festival di Sanremo, criticare i cantanti “Amici” e riflettere, molto spesso da profani incoscienti, sul fenomeno “X-factor” e sulle scelte musicali più o meno opportune dei giudici. In realtà, però, si può parlare di musica anche in modo molto professionale e con estrema semplicità, come dimostra Music@2009, il magazine musicale di Rai Uno in onda ogni sabato alle 00.30 e capitanato da Savino Zaba, voce inconfondibile di Ottovolante, in onda su Radio 2.

Savino, oggi sei conduttore e co-autore della trasmissione Music@2009. Come nasce l’idea del programma?
Music@ nasce dall’esigenza di parlare di musica. Dopo Sanremo non c’è un vero programma che si occupi veramente di musica. È stato ideato da Geppino Afeltra quattro anni fa e siamo ormai alla settima edizione. Le primissime puntate non avevano conduzione, ma nella seconda edizione del programma io comparivo come voce fuori campo. Nelle puntate della terza edizione, poi, ho portato con me tutto il mio studio e la mia esperienza radiofonica, con timing e strumenti da radio. Oggi Music@2009 ha una vera e propria redazione e soprattutto uno studio da cui va in onda. Abbiamo un team di circa 10 persone tra autori, redattori, collaboratori e ufficio stampa che lavora in maniera affiatata da 3-4 anni.

Music@2009 va in onda sulla rete ammiraglia. Quali credi siano i pregi della vostra trasmissione?
Music@2009 è un magazine che parla di musica in modo colto, dando spazio anche alle nuove realtà. Il nostro punto di forza è proprio il modo di raccontare le storie. Ci dedichiamo in particolare alla creazione di interviste esclusive e di copertine originali, e poi raccontiamo storie di artisti affermati, di chi ritorna in scena dopo anni di silenzio, ma anche di chi si è appena avvicinato a questo mondo. Insomma, protagonista della trasmissione è sempre la musica con i suoi artisti e teniamo rigorosamente fuori le notizie di gossip musicale.

Per chi è pensata la trasmissione, per i giovani?
E chi sono i giovani? I 40enni di oggi sono i giovani… Music@ è un programma per un pubblico vasto che va dai 25-30 anni fino ai 40-50. Oggi anche un 60enne è un giovane, a suo modo, ed è indubbiamente parte integrante del pubblico di Music@.

Come giudichi la collocazione del programma all’interno del palinsesto di Rai Uno?
La trasmissione va in onda il sabato su Rai Uno alle 00.30: c’è stata un’anticipazione sull’orario rispetto alla prime puntate di quest’anno. Il nostro pubblico, e quello della notte in genere, è un pubblico attento che guarda e non vede, che ascolta e non sente.

Nella puntata del 25 aprile avete dedicato uno speciale a De Andrè.
Il nostro è stato un omaggio a uno dei più grandi poeti del Novecento. Dobbiamo ringraziare Mauro Pagani che ha voluto condividere il suo ricordo con noi e con i nostri telespettatori. Ma non c’è stato solo De Andrè. I Velvet hanno presentato il loro nuovo disco, Nella lista delle cattive abitudini, e poi abbiamo presentato il musical ecologista Difenderò e un nuovo brano dell’indimenticato Rino Gaetano, riportato alla luce da Claudio Insegno. E per finire, abbiamo rivissuto il mito di Bob Dylan a “Con parole sue”.

Una puntata ricchissima quella appena andata in onda. Cosa ci riservate per le prossime puntate?
Nella puntata del 2 maggio, che è una puntata che potremmo definire classic, avremo con Bocelli superospite e dedicheremo ampio spazio al belcanto. Ci sarà uno speciale su Maria Callas, servizi sulle voci napoletane neoclassiche, come Mario Rosini, su Erasmo Petringa, un bravissimo polistrumentista che suona strumenti antichi e mescola suoni del mediterraneo. È una puntata che il pubblico di Rai Uno, sono sicuro, apprezzerà. A seguire, poi, ci sarà una puntata a tutto rock, il 9 maggio con Vasco Rossi superospite, con un omaggio a Kurt Cubain e a Massimo Triviero, chitarrista e cantante rock che festeggia 20 anni di carriera.

Complimenti per la conduzione a Savino Zaba e soprattutto per la scelta di occuparsi di musica a 360 gradi. Davvero una bella trasmissione.

PER SAPERNE DI PIU’:

http://www.music2009.rai.it

Pubblicato il 27 aprile 2009 su www.ghigliottina.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: