Harmonies and Words

in the Pool of Time

  • Tutti soffrono all’idea di scomparire non visti e non uditi in un universo indifferente, e per questo vogliono, finché sono in tempo, trasformare se stessi nel proprio universo di parole. Milan Kundera

    Siamo ciò che siamo perché è quello che meritiamo di essere.
  • maggio: 2009
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Meta

Gabriel Conroy protagonista di “The Dead” di James Joyce

Posted by mnemosineeorfeo su maggio 2, 2009

joyce-the-dead“The Dead” è considerato il racconto più riuscito della raccolta Dubliners, pubblicata nel 1914 dall’editore Grant Richards come un libro organico di quindici racconti incentrati su quella “paralisi” che sembrava aver colpito i dublinesi e la città di Dublino all’inizio del XX secolo.
Scritto tra luglio e agosto del 1907, quando Joyce era di ritorno a Trieste dopo un breve soggiorno a Roma, “The Dead” è solitamente considerato “a ghost story”, ma è soprattutto un racconto musicale e una storia di richiami memoriali, dove la memoria e la musica sono fili sottili che si alternano e si intrecciano, si accordano durante la festa e creano un’eco simbolica e duratura che alla fine del riverbero lascia spazio a un silenzio quasi surreale in cui si svolge la meditazione del protagonista, Gabriel Conroy. Gabriel medita sullo stato delle cose nel suo presente, ma anche su ciò che è stato e ciò che sarà sua vita.

Il racconto si snoda nell’arco di quattro o cinque ore, in una sera tra Natale e la festa dell’Epifania. In queste poche ore, Gabriel è assente, sfuggente, insofferente a quel falso clima di festa che ogni anno è costretto a subire per amore di una tradizione che si rinnova, simbolo dell’ospitalità irlandese e, nello specifico, delle zie, le signorine Morkan, personaggi musicali e specchio della mediocrità di una società legata a valori ormai del tutto svuotati della loro essenza.
Alla fine della serata, quando la moglie Gretta vive qualche attimo di sospensione dal presente e ricorda, con forte emozione, un suo vecchio amore, Michael Furey, morto per lei in giovanissima età, Gabriel vive il momento dell’amara rivelazione: la sua personalità si è dileguata assieme con la sua identità, e questa drammatica dissoluzione dell’essere, come la consapevolezza della mancanza di amore che ha caratterizzato la sua vita, relega Gabriel alla compagnia degli spettri dell’Ade.

Pubblicato su www.ilpendolo.info il 30/04/2009

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: