Harmonies and Words

in the Pool of Time

  • Tutti soffrono all’idea di scomparire non visti e non uditi in un universo indifferente, e per questo vogliono, finché sono in tempo, trasformare se stessi nel proprio universo di parole. Milan Kundera

    Siamo ciò che siamo perché è quello che meritiamo di essere.
  • maggio: 2009
    L M M G V S D
    « Apr   Giu »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Meta

La meravigliosa storia di un bambino dispettoso

Posted by mnemosineeorfeo su maggio 30, 2009

fondoschiena Penso che nella vita sia tutta una questione di gran fondoschiena.

Io, non sono nata con la camicia. Ho cercato di comprarne una in questi anni, ma quelle che ho trovato fino ad ora mi stanno piccole. Alcune sono proprio il modello sbagliato. Di altre non mi piace il colore. E quindi non le compro.

E così sono rimasta senza camicia.

Mi hanno sempre raccontanto che non è bello vivere di rimpianti. Certo, non lo è, però a volte è inevitabile che qualche pensiero preponderante affolli lungamente la tua mente e che il passato bussi alla tua porta. Una volta ho aperto e mi ha fatto una linguaccia. Poi, come un bambino insolente e molto sicuro di sé, è scappato via. E quando gli chiedo di avvicinarsi mi sorride con garbo.

Anche il passato ha qualche momento di sgarbo. Quando decide di non curarsi del presente lo calpesta volutamente. Ci gioca finché non si stanca. E poi lo lascia lì, strapazzato per terra, consunto.Un giorno l’ho bloccato mentre stava per andare via, in uno di quei giorni di pioggia in cui il presente stava con difficoltà cercando di costruire una collinetta. L’ho bloccato e gli ho chiesto come mai avesse deciso di ostacolare il presente. Lui mi ha sorriso. Aveva un libro con sé. Una sorta di trattato. Lo ha aperto davanti a me ma voleva leggerlo solo lui. Era una sfida? Gli ho detto che non avrebbe dovuto ostacolare il lavoro faticoso delle persone umili e sole. E lui mi ha detto che la solitudine si crea…

Sai, non sono un bambino anche se sono dispettoso. Io posseggo un grande tesoro. Che è tuo. Lo so che vorresti possederlo tu perché di fatto ti appartiene. Però adesso in realtà non puoi più acquistarlo. Ci sono occasioni in cui ti viene data la possibilità di rilanciare il dado. Ma quando il dado è tratto allora il passato tuo diventa una parte di me“.

Ascoltavo stupita le sue parole. Non ero affatto d’accordo con lui. E glielo dissi. Poi gli dissi che volevo vedere il libro, leggerne qualche pagina.

Non puoi“, mi disse. “Solo io posso decidere quando puoi“.

Mi stavo irritando.

Vedi, il passato tuo lo hai costruito tu. E non puoi riaverlo. Hai lottato, pianto, riso, bivaccato. Hai passato gran parte del tuo tempo a progettare una escape che come i Dubliners non sei riuscita a realizzare. Hai vagato con la tua mente tante volte, hai fatto tanti progetti per il futuro. Viaggio, mollo, a cagare tutti. E mentre progettavi il tuo futuro il tuo presente continuava a costruire la collinetta tanto ambita, ma non ci riusciva da solo. Ed io, che sono il passato, ho raccolto il tuo futuro in questo libro. La tua vita non l’hai costruita. L’hai sognata. E contemporaneamente hai perso il presente, il futuro ed ora anche il passato. Perché sono libero di andarmene, di prendermi gioco di te. Hai sbagliato. Ed io, che posso leggere, lo so“.

Scomparve all’improvviso, mentre faceva eco nella vallata una voce metallica, “hai sbagliato“.

Mi avviai verso il paese quasi incapace di formulare pensieri.

E non pensai.

Finché non varcai la soglia di casa mia.

Tutto era come ieri, l’altro ieri, sei mesi fa. Ed io avevo cercato, “sognato” di cambiare qualcosa. Ma non l’ho fatto. Ho pensato a cosa fare il giorno dopo. E sarebbe stato quello che ho fatto oggi, che ho fatto un mese fa, che facevo l’anno scorso.

Ho ripensato a quell’incontro. Alla paralisi provocata da uno stroke. A una escape che non avevo saputo realizzare.

Ho cercato quell’uomo. Ma non l’ho trovato. Se mi leggi, per favore, puoi dirmi se sono ancora in tempo?

16 aprile 2007

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: