Harmonies and Words

in the Pool of Time

  • Tutti soffrono all’idea di scomparire non visti e non uditi in un universo indifferente, e per questo vogliono, finché sono in tempo, trasformare se stessi nel proprio universo di parole. Milan Kundera

    Siamo ciò che siamo perché è quello che meritiamo di essere.
  • settembre: 2009
    L M M G V S D
    « Lug   Feb »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  
  • Meta

Riparte X-Factor ma senza Ventura

Posted by mnemosineeorfeo su settembre 24, 2009

xfactor3Ci siamo: dal 9 settembre la nuova edizione di “X-Factor” va in onda tutti i mercoledì come di consueto sul secondo canale Rai. Con una sostanziale novità: Simona Ventura ha gettato l’àncora e ha abbandonato la nave.
La decisione della Simona nazionale, totalmente inaspettata, ha lasciato di stucco i suoi fan e quelli del format. Pare però che i numerosi impegni lavorativi dell’ultimo periodo l’avessero allontanata troppo dalla sua famiglia lasciandole poco spazio persino per la vita privata.
Simona Ventura, in effetti, è una conduttrice full-time: conduce da anni con successo “Quelli che il calcio”, in onda su Rai Due tutte le domeniche da settembre a maggio, ed è l’anima de “L’isola dei famosi”, giunta quest’anno alla settima edizione. Impegni importanti in trasmissioni fortunate che non conoscono la crisi della cattiva TV. Certo, “L’isola” non sarebbe “L’isola” senza la Ventura, così come X-Factor non è più lo stesso senza la verve spettacolare della conduttrice in veste di giurata.
Difficile dire se la Ventura portasse nel programma una nota di alta qualità, o dei giudizi raffinati che lasciassero trasparire una profonda cultura musicale. Difficile dire, in tutta sincerità, se Simona Ventura fosse una grande intenditrice di musica. Ma giunti alla terza puntata della nuova edizione è facile ed opportuno stilare un primo bilancio sulla giurata che ha preso il suo posto. Ed è molto facile ammettere che il ruolo della Ventura fosse tutt’altro che irrilevante.

Dunque, lo scorso luglio i giornali comunicano il nome del nuovo giudice musicale e mentore dei giovani talenti in cerca di fortuna: Claudia Mori. La notizia lascia tutti quasi totalmente indifferenti, fermi su un’unica affermazione, “staremo a vedere”.
Perché lei non è solo Claudia Mori, ma è anche la moglie del molleggiato, del ragazzo della via Gluck, di Adriano Celentano. C’è forse un atteggiamento di riverenza nei suoi confronti. Certo, lei di riverente ha ben poco.

Simona ispirava fiducia, i cantanti del suo gruppo le davano del tu e la chiamavano per nome. Claudia Mori no. Lei è la “signora (Claudia) Mori” e ci si rivolge rispolverando la vecchia formula di cortesia. La Mori ha un’eleganza e una compostezza che ormai in TV hanno in pochi. Ma è troppo sotto tono. I suoi giudizi non sono pungenti e forse neanche di altissima qualità, come ci sia aspettava, forse, un po’. La Mori non fa spettacolo, e forse fa bene. Il suo ruolo, come ha affermato più volte, anche attaccando Morgan e Mara Maionchi, è quello di intuire in quale cantante c’è il vero x-factor, e non importa se il concorrente è seguito da un giudice piuttosto che da un altro. Su questo, bisogna ammetterlo, la signora Mori ha pienamente ragione.

Si sbaglia però quando attacca gli autori perché hanno mostrato una sua brutta foto, perché mandano in onda un servizio piuttosto ironico sul suo uso, in studio, del cellulare, e suscita antipatie quando minaccia di non poter terminare la trasmissione. E si sbaglia quando cambia pettinatura tutte le settimane. Insomma, la Mori un po’ delude, per la sua irriverenza e per il suo scarso senso dell’ironia. Per fortuna ci sono ancora Morgan e la Maionchi a risollevare il tono del programma, dimostrando di essere grandi professionisti, buoni intenditori e fruitori di musica, buoni coach. Ma soprattutto dimostrando di saper stare al gioco, perché sanno bene che l’autoironia è un’ottima strada per farsi apprezzare da un pubblico di giovanissimi.

È difficile affermare che la Ventura ci manca. Sopperiva a qualche lacuna di un presentatore ancora troppo in erba nonostante l’esperienza maturata in TV. Francesco Facchinetti, che come cantante si era preso troppo sul serio, come conduttore dovrebbe cominciare a farlo. Senza urlare troppo e arricchendo un po’ il suo vocabolario. Imparando, forse, dal suo pigmalione, che in lui aveva riposto tantissima fiducia. E un po’ più di senso di responsabilità, proprio a Simona, Facchinetti glielo deve.

Articoli di riferimento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: